Cheratite: cosa è e come curarla

Oggi scopriamo un'altra malattia degli occhi perché prevenire è sempre meglio di curare! Ed è anche importante capire quando il corpo ci dà segnali di malessere in modo da rivolgersi tempestivamente a degli esperti per curarci e combattere sul nascere il problema.

Che cos'è la cornea?

Partiamo da descrivere cos'è la cornea e che funzioni svolge: questa è una membrana che ricopre la parte anteriore dell'occhio e attraverso la quale è possibile intravedere l'iride e la pupilla.

La cornea consiste nella prima "lente" che la luce incontra nel suo percorso verso il cervello, permette il passaggio dei raggi luminosi verso le strutture interne dell'occhio e ha la funzione principale di mettere a fuoco le immagini sulla retina.

La cornea è costituita da strati sovrapposti composti principalmente da fibre di collagene disposte appunto per permettere una perfetta trasparenza. La cheratite è un'infiammazione della cornea che, se non diagnosticata e trattata per tempo, può danneggiare la struttura della cornea e compromettere anche seriamente la capacità visiva.

Le principali cause sono:

  • infezioni da batterio, virus o fungo;
  • connessa alla presenza di una patologia sistemica come l'artrite reumatoide;
  • causa fisica ed ambientale come l'esposizione prolungata ai raggi ultravioletti.

Chi può contrarre la cheratite?

Visto che le cause della cheratite sono molte, sono altrettanti i soggetti che possono contrarla. Le persone più a rischio di contrarre una cheratite sono:


  • chi porta di lenti a contatto: le persone che non hanno cura di questi strumenti sono spesso soggetti a infezioni;
  • le persone che frequentano piscine o che più si avventurano a nuotare in mare, laghi e fiumi. In questi luoghi infatti potrebbe manifestarsi la presenza di funghi, protozoi o in generale agenti infettivi;
  • chi si espone con una certa frequenza ai raggi ultravioletti, per esempio facendo lampade abbronzanti senza indossare gli opportuni occhiali protettivi, o sciando senza occhiali;
  • le persone che sono affette da Herpes Zoster;
  • i soggetti che soffrono di Sindrome dell'Occhio Secco: questa è una patologia oculare che porta a una secchezza della cornea.

A cosa porta la Cheratite?

  • edema o accumulo di liquido all'interno della cornea;
  • crescita di neovasi alla periferia e all'interno della cornea;
  • formazione di tessuto fibroso a vari livelli di profondità;
  • sfaldamento del tessuto della cornea;
  • formazione di ulcere alla cornea.

Per riconoscerla più semplicemente è meglio farsi controllare ogni qualvolta che si manifesta uno dei seguenti sintomi:

  • una diminuzione anche improvvisa della capacità visiva;
  • fotofobia: non si riesce più a tollerare la luce, specialmente al buio o nelle ore notturne;
  • dolore agli occhi.

Come si cura la Cheratite?

Ovviamente la cura dipende sempre dal modo in cui si è contratta la malattia: nel caso di un'origine infettiva bisognerà ricorrere all'uso di antibiotici, antivirali oppure antimicotici. Le ulcere vengono curate con farmaci per favorire la guarigione del tessuto compromesso della cornea.

Quando la cheratite è stata trascurata per troppo tempo e la patologia non è stata curata per tempo, i danni al tessuto potrebbero essere irreversibili con una semplice cura. In questi casi l'unica soluzione è un trapianto di cornea.

Per questi motivi ricordatevi sempre di sottoporvi a visite oculistiche  frequenti, non sottovalutate mai neanche il minimo dolore o fastidio ed evitate di ricorrere alla medicazione "fatta in casa".

Se riscontrate dei sintomi è sempre meglio rivolgersi a degli esperti come lo staff di Clinica Torre Eva! Dove ti accoglieremo e constateremo lo stato della patologia e il percorso di cura più adeguato!

Nota Bene
I contenuti medici inclusi nel sito web sono stati scritti e rivisti da personale medico qualificato. Le informazioni contenute in questo sito sono presentate a solo scopo informativo e non intendono sostituire in alcun modo il parere del proprio medico curante o della visita specialistica. In nessun caso costituiranno la diagnosi o la prescrizione di un trattamento.

Hai bisogno d'informazioni?

Ti risponderemo il prima possibile